Anglicana Jazz Nights Alassio Jazz Alassio Jazz Alassio Jazz Alassio Jazz Alassio Jazz Anglicana Jazz Nights Alassio Jazz Alassio Jazz Alassio Jazz Alassio Jazz Anglicana Jazz Nights Alassio Jazz Alassio Jazz Alassio Jazz Alassio Jazz

"MICHEL ON AIR"

MICHEL ON AIR

27 Febbraio 2015
Ex Chiesa Anglicana

Alassio - Via Adelasia 10 - ore 21.35
ingresso libero fino ad esaurimento posti

Alessandro Collina, Rodolfo Cervetto, Marc Peillon e Fabrizio Bosso presentano in concerto, per la prima volta in Italia, il disco Michel On Air, dedicato a Michel Petrucciani. Distribuito nel Nord America da ITI e nel resto del mondo da Egea, l’album staziona da novembre nei Top 50 della jazz chart statunitense, dove ha recentemente raggiunto la 28esima posizione – un risultato eclatante, considerato che negli USA, la patria del jazz, è molto raro trovare in classifica un gruppo di soli europei, per di più con un disco dedicato a un autore francese.

michel petruccianiIl progetto è partito dal trio composto dal pianista Alessandro Collina, il batterista Rodolfo Cervetto e il bassista francese Marc Peillon, che dopo anni di intensa collaborazione sulla scena internazionale hanno deciso di rendere omaggio alle musiche del compositore scomparso quindici anni fa.

L’idea era quella di esaltare la sensibilità melodica di Petrucciani, troppo spesso relegata in secondo piano rispetto ai virtuosismi tecnici o alle sue vicende biografiche. I tre musicisti hanno identificato nella tromba di Fabrizio Bosso, con il quale hanno suonato spesso negli ultimi anni, la voce ideale per interpretare e valorizzare le straordinaria bellezza delle composizioni di Petrucciani.

Il suono caldo, ricco di pathos e mai scontato del trombettista, unito a una tecnica e capacità improvvisativa di rara bellezza, si fondono perfettamente con il piano eclettico di Collina, il basso profondo di Peillon e il drumming raffinato di Cervetto. Il repertorio abbraccia una grande varietà di umori, dall’impetuoso al languido al meditabondo, con eleganza e gusto; è un jazz dalle molte sfumature che abita diverse epoche e gira il mondo, dal Sud latino di “Brazilian Like” e “Guadaloupe” al Nord America di “Chloe Meets Gershwin” e “Play Me” (con la tromba di Bosso in grande evidenza), per approdare infine sulle coste del Mediterraneo, dove buona parte di questo tesoro di musica è stato concepito e ora viene filtrato. Completano il disco due tra gli standard più amati da Michel Petrucciani: una versione ampiamente rivisitata di “Take the ‘A’ Train” di Billy Strayhorn a “In a sentimental mood” di Duke Ellington (si racconta che Petrucciani abbia deciso di dedicarsi al jazz proprio dopo avere visto il celebre musicista suonare questo brano in televisione).

Più che positive le critiche delle riviste di settore, particolarmente lusinghiera la recensione sul numero in uscita a febbraio dell’autorevole Downbeat, che gli assegna 4 stelle su 5.

  • Fabrizio Bosso tromba
  • Marc Peillon contrabbasso
  • Alessandro Collina piano
  • Rodolfo Cervetto batteria

PHOTOGALLERY VIDEO

Gli eventi sono realizzati con la Direzione Artistica dell’Associazione albenganese “Le Rapalline in Jazz”

Rapalline Jazz Festival - vai al sito

 

 

eventi passati:

"BBB Trio / Boltro Battisti Barbieri"

BBB Trio

24 Gennaio 2014
Ex Chiesa Anglicana

Alassio - Via Adelasia 10 - ore 21.15
ingresso libero fino ad esaurimento posti

Un viaggio tra atmosfere liriche e ritmi serrati, tra elettronica, jazz energico e improvvisazioni aperte: il nuovo trio di Flavio Boltro, con perfetta intesa e forza comunicativa, offre una musica di grande suggestione

  • Flavio Boltro tromba e elettronica
  • Mauro Battisti contrabbasso
  • Mattia Barbieri batteria e percussioni

PHOTOGALLERY

"Off The Charts"

Off The Charts

17 Ottobre 2013
Ex Chiesa Anglicana

Alassio - Via Adelasia 10 - ore 21.15
ingresso libero fino ad esaurimento posti

Off The Charts è un incontro, un viaggio espressivo che Pietro Tonolo, Andrea Pozza, Lorenzo Conte e Ferenc Nemeth intraprendono per rileggere assieme le proprie composizioni originali.
Le collaborazioni fra i quattro si sono intrecciate nel corso degli anni andando a creare un precedente solido la cui naturale evoluzione è stata proprio la scelta di ritrovarsi per la prima volta riuniti sullo stesso palco

  • Pietro Tonolo sax
  • Andrea Pozza pianoforte
  • Lorenzo Conte contrabbasso
  • Ferench Nemeth batteria

PHOTOGALLERY

I Musicisti (APRI LA SCHEDA)

 

Pietro Tonolo

È uno dei più noti sassofonisti di jazz europei. Ha iniziato la sua attività giovanissimo suonando in Europa e in America con le band di Gil Evans e Chet Baker. Ha inciso una novantina di CD come sideman e a suo nome, ottenendo ampi successi e riconoscimenti. Ha collaborato con molti tra i principali jazzisti italiani (Franco D’Andrea, Massimo Urbani, Enrico Rava, Rita Marcotulli, Danilo Rea, Roberto Gatto) e europei (Aldo Romano, Tony Oxley, Henri Texier, col quale ha effetuato tournée in Oriente, Africa e America Latina). Ha suonato regolarmente con musicisti come Lee Konitz, Steve Lacy, Joe Lovano, Joe Chambers, Gil Goldstein, Steve Swallow, Eliot Zigmund, Paul Motian (del cui “Electric Bebop Band” ha fatto parte) ed è uno dei musicisti italiani che godono della più alta considerazione presso i colleghi d’oltreoceano.

 

Andrea Pozza

Andrea Pozza debutta a soli 13 anni. Da quel momento, la sua carriera che oggi è più che trentennale, lo ha portato ad esibirsi in Italia e all’estero con veri e propri “mostri sacri” del calibro di Harry “Sweet” Edison, Bobby Durham, Chet Baker, Al Grey, Scott Hamilton, George Coleman, Charlie Mariano, Lee Konitz, Sal Nistico, Massimo Urbani, Luciano Milanese e molti altri ancora. Grazie alla sua precoce maturità artistica unita all’eleganza del suo pianismo, Andrea Pozza ha fatto parte del Quintetto di Enrico Rava (dal 2004 al 2008) e col quale ha inciso per la ECM “The Words And The Days” (2007). Col Quintetto di Rava ha avuto occasione di suonare con ospiti del calibro di Roswell Rudd e Pat Metheny e di esibirsi in importanti festivals in tutto il mondo. Ha fatto parte del quartetto di Steve Grossman negli anni 90’ e col quale collabora tutt’ora. Ha collaborato stabilmente per più di 25 anni con Gianni Basso. Andrea Pozza è inoltre protagonista di numerosi progetti discografici a suo nome. L’album più recente è “A Jellyfish From The Bosphorus” (ABEAT REC, 2013) inciso tra l’Italia ed il Regno Unito in trio e che presenta alla ritmica Aldo Zunino al contrabbasso e Shane Forbes alla batteria. Del 2011 è invece il suo esordio discografico con l’Andrea Pozza European Quintet, intitolato “Gull’s Flight” (ABEAT REC, 2011) e che coinvolge i musicisti inglesi, Christian Brewer al sax alto e Shane Forbes alla batteria, e gli olandesi Dick DeGraaf al sax tenore e soprano e Jos Machtel al contrabbasso (www.andreapozza.it). Il quintetto, ha riscosso un grandissimo successo di pubblico e di critica.

 

Lorenzo Conte

Contrabbassista formatosi al conservatorio Benedetto Marcello di Venezia, la sua città natale, Lorenzo Conte si dedica esclusivamente alla musica jazz da diversi anni. Nella sua carriera ha collaborato con moltissimi musicisti sia europei che americani tra cui Enrico Rava, Jesse Davis, Eddie Henderson, Ronnie Mathews, Art Farmer, John Hicks, Harry Allen, Ronnie Cuber, Ferenc Nemeth, Mike LeDonne, Pietro Tonolo, Dado Moroni, Gianni Basso, Steve Grossman, Rosario Giuliani, Flavio Boltro, Slide Hampton, Bobby Watson, Fabrizio Bosso, Joel Frahm, Bob Sheppard, Steve Ellington e altri. Ha suonato a lungo con il quartetto di Tom Kirkpatrik, ha collaborato con il quartetto di Eliot Zigmund ‘’Planet Four‘’ con Chris Cheek e Frank Locrasto. ha suonato con il quartetto europeo di Bobby Watson con il pianista Andrea Pozza e il batterista cubano Francisco Mela, il quartetto di Bob Sheppard con Anthony Pinciotti alla batteria. Nella sua attivita’ discografica si possono ascoltare cd con il batterista Bobby Durham con il flautista Sam Most e l’altista Lee Konitz, il tenor sassofonista Robert Bonisolo. Con il trio di Eliot Zigmund, con cui ha collaborato diversi anni, ha all’attivo il cd “Spring Jazz Trio”. Ha suonato in numerosi festivals e jazz club jazz in Italia, Francia, Svizzera, Unione Sovietica, Olanda, Germania, Tunisia, Spagna, Croazia, Slovenia.

 

Ferench Nemeth

Nasce a in Keszthely in Ungheria e comincia a suonare la betteria all’età di tre anni sotto la guida del padre. Si iscrive poi al Richter János Conservatory in Gyõr per studiare percussione classica. All’età di diciotto anni si sposta a Budapest dove frequenta la Franz Liszt Academy of Music. Di lì a poco diventa uno dei batteristi più richiesti in ungheria. Vince una borsa di studio al Berklee College of Music di Boston dove quindi va ad abitare per qualche anno. Studia fino al 2003 al Thelonious Monk Institute of Jazz. Ora vive a New York e collabora con un incredibile numero di prestigiosi musicisti tra i quali citiamo i più importanti: Herbie Hancock, Wayne Shorter, Christian McBride, John Patitucci, Terence Blanchard, John Abercrombie, Dave Samuels, Mark Turner, Hal Crook, David Benoit, Bud Shunk, Darren Barret, Bruno Raberg, Greg Hopkins, Phil Wilson, Billy Childs, Reggie Hamilton, John Clayton, Jimmy Heath, Dave Grusin, Bob Sheppard, Steve Turre, Eddie Deniels, Eddie Henderson, Ron McClure, Chris Cheek, Aaron Goldberg, Kenny Wheeler, Eli Degibri, The Mason Brothers, The Henry Mancini Orchestra,etc. Oltre alle numerose collaborazioni discografiche come side man, ha all’attivo a suo nome “Night Songs” (Dreamers Collective Records) - 2007: Ferenc Nemeth, Lionel Loueke, Chris Cheek, Mark Turner, Aaron Parks, John Patitucci e “Triumph” (Dreamers Collective Records) - 2012: Ferenc Nemeth, Joshua Redman, Kenny Werner, Lionel Loueke, Nicolas Sorin, Woodwind Arrangements www.ferencnemeth.com

 

"Mala Waldron Trio"

mala waldron

24 Gennaio 2013
Ex Chiesa Anglicana

Alassio - Via Adelasia 10 - ore 21.30
ingresso libero fino ad esaurimento posti

Mala Waldron Trio

  • Mala Waldron piano e voce
  • Giovanni Sanguineti contrabbasso
  • Paolo Franciscone batteria

PHOTOGALLERY VIDEO 1 VIDEO 2 VIDEO 3 VIDEO 4

La pianista, vocalist e autrice Mala Waldron, nata a New York, ha cominciato la sua carriera professionale a 15 anni, formando la sua prima R&B band. Mala, figlia di musicisti, oltre le lezioni con suo padre Mal Waldron, ha continuato a studiare pianoforte jazz, canto e composizione. Nello stesso periodo Mala scrive arrangiamenti per alcune composizioni di suo padre. Il disco seguente a queste esperienze include alcuni inediti tra i quali "Lullabye", dedicato alla madrina Billie Holiday, e “AlwaysThere”, che nel 2006 riceve ottime critiche in tutto il mondo. Per questa sua nuova esperienza europea, Mala Waldron si avvale della collaborazione del contrabbassista Giovanni Sanguineti e del batterista Paolo Franciscone. Il trio eseguirà brani “made in Waldron”, ma anche brani tratti dal repertorio delle produzioni discografiche di tutti i tre musicisti.

"Andrea Pozza Trio - Special Guest Steve Grossman"

steve grossman

29 Dicembre 2012
Ex Chiesa Anglicana

Alassio - Via Adelasia 10
ore 21.30 - ingresso libero fino ad esaurimento posti

Andrea Pozza TRIO special guest Steve Grossman

  • Steve Grossman tenor sax
  • Andrea Pozza pianoforte
  • Aldo Zunino contrabbasso
  • Luca Santaniello batteria

PHOTOGALLERY VIDEO 1 VIDEO 2 VIDEO 3 VIDEO 4 VIDEO 5

Programma e musicisti (APRI LA SCHEDA)

Steve Grossman non ha bisogno di presentazioni... E' semplicemente uno dei più importanti tenoristi della storia del Jazz. Ha militato in importantissime bands tra le quali Orchestra di Duke Ellington, la band di Miles Davis nel 1969 e quella di Elvin Jones.
L' Andrea Pozza trio è attivo da molti anni sulla scena jazzistica italiana.
E' una formazione collaudata e i tre musicisti suonano assieme da tanti anni, è una delle ritmiche più richieste sulla scena jazzistica.
Il repertorio che propone il quartetto è una selezione di standards e di brani originali di Steve Grossman.

Steve Grossman

Grossman iniziò studiando il sax contralto all'età di otto anni, strumento a cui aggiunse il sax soprano a 15 e il sax tenore a 16 anni.
Debuttò come professionista a nel 1969, sostituendo Wayne Shorter nel gruppo di Miles Davis, con cui incise l'album A Tribute to Jack Johnson.
Dal 1971 al 1973 fece parte del gruppo di Elvin Jones.
Dall'inizio degli anni 70 lavora come freelance e conduce formazioni proprie, tra le altre lo "Steve Grossman Trio."
Dotato di una potente voce strumentale, nella tradizione hard bop, Steve ha al suo attivo collaborazioni con molti dei protagonisti del jazz contemporaneo avendo negli anni 90 inciso numerosi cd con McCoy Tyner, Cedar Walton, Michel Petrucciani, Barry Harris .
Da diversi anni vive in Italia.

Andrea Pozza

Diplomato al Conservatorio N. Paganini di Genova, si dedica alla carriera jazzistica da più di 20 anni. Tra i suoi ispiratori troviamo Teddy Wilson, Bud Powell, Bill Evans, Winton Kelly, McCoy Tyner, Paul Bley.
Ha avuto l' occasione di esibirsi con grandi musicisti come Harry "Sweet" Edison, Bobby Durham, Chet Baker, Al Grey, Charlie Mariano, Phil Woods, George Coleman, Scott Hamilton, Massimo Urbani, Larry Nocella, Lee Konitz.
Ha inciso sei cd in trio a suo nome: “Introducing” per la “Philology”, “Plays Ellington, Monk and Himself “per la “GoFour”, “Love Walked In” per l' inglese “33Records” e “Drop This Thing”, “New Quiet” e “Blue Daniel” per la “Dejavu Records”.
Ha fatto parte del Quintetto di Enrico Rava (insieme a Roberto Gatto, Rosario Bonaccorso e Gianluca Petrella)dal 2004 al 2008 col quale ha inciso per la ECM “The Words And The Days” (uscito nel 2007) e si è esibito in alcuni dei più importanti festivals e concert halls in Inghilterra, Francia, Germania, Spagna, Portogallo, USA, Canada, Brasile, Argentina, Giappone. Col Quintetto ha anche avuto occasione di suonare con ospiti del calibro di Roswell Rudd e Pat Metheny.
Ha collaborato stabilmente con Sal Nistico, ha fatto parte del quartetto di Steve Grossman, con il quale ha suonato a Londra, Parigi ed in importanti festivals internazionali negli anni 90' e col quale collabora tutt'ora.
Ha collaborato con Gianni Basso per più di 25 anni incidendo numerosi cd, tra i quali particolarmente significativo quello interamente dedicato alla musica di Billy Strayhorn.
Fa parte del Quartetto di Rosario Bonaccorso del quale è da poco uscito il cd “Appunti Di Viaggio” prodotto dall' Auditorium di Roma e con il quale sta incidendo un nuovo cd insieme a Fabrizio Bosso e Nicola Angelucci.
Appena uscito per la Abeat Rec “Gull' s Flight” dell' Andrea Pozza European Quintet con Dick DeGraaf, Christian Brewer, Jos Machtel e Shane Forbes, che ha gia ottenuto ottime critiche e consigliato da Musica Jazz.
Attualmente Andrea Pozza insegna Pianoforte Jazz al conservatorio di Milano.

Aldo Zunino

All'età di diciassette anni, dopo lo studio del pianoforte e della chitarra, inizia a suonare il contrabbasso. Già a diciotto anni intraprende la sua carriera professionale suonando in tutto il Nord Italia con i musicisti più rappresentativi del territorio.
Vince nel 1992 il premio "AICS JAZZ" ed inizia la sua attività didattica. La sua attività concertistica si estende rapidamente in vari paesi: Francia, Germania,
Gran Bretagna, Svizzera, Slovenia, Croazia, Spagna. I Festival Internazionali e Nazionali a cui ha partecipato sono numerosi:
Umbria Jazz, Leverkusen, Ivrea, Le Mans, Ascona, Fano, Lugano, Sant'Anna Arresi, Villa Celimontana (Roma), Monteroduni e naturalmente i Festival del Golfo Paradiso e di Genova Jazz.
Ha inoltre suonato in "storici" Jazz Club come il Birdland di New York, il Ronnie Scott's a Londra, il New Morning ed il Sunset a Parigi. Lunghissimo è l'elenco delle sue collaborazioni: G. Basso, F. D'Andrea, E. Rava, P. Tonolo, Benny Golson, Art Farmer, Jimmy Cobb, Tommy Flanagan, Joe Chambers, Harry Sweets Edison, Clark Terry, Ben Riley, Albert Heath, Cedar Walton, Nat Adderley, Clifford Jordan, Horace Parlan, Shirley Scott, Conte Candoli, Joe Newman ,Lew Tabakin e molti altri.
E' da enfatizzare la sua partecipazione stabile (dal 1995) nel trio/quartetto di Steve Grossman, nel trio di Bobby Durham ed negli ultimi anni nel quartetto di Francesco Cafiso.

Luca Santaniello

Residente a New York dal 2001, Luca Santaniello e’ considerato uno dei piu’ eccellenti rappresentanti della comunita’ del jazz Italiano nella scena New Yorkese.
Diplomatosi in percussioni classiche al Conservatorio “L.Perosi” di Campobasso, la sua citta’ natia, si e’ in seguito laureato in Jazz Performance nell’Artist Diploma Program della Juilliard School di New York, la piu rinomata istituzioni internazionale di educazione e promozione dell’arte e ha rappresentato la stessa Juilliard in master classes e concerti in tutto il territorio del Nord America, Sud America, Inghilterra, Germania ed Italia.
Discepolo dei batteristi Kenny Washington e Carl Allen, ha formato la sua personalita’ musicale trovando ispirazione nelle grandi leggende delle batteria jazz come Philly Joe Jones, Elvin Jones, Tony Williams.
La sua versatilita’ musicale lo ha portato a collaborare con colossi della scena jazz internazionale ,come la recente esperienza all’Italian “Jazz Days Festival” al Lincoln Center di New York con Joe Lovano, e con Ron Carter.
Sono innumerevoli le altre collaborazioni come quelle con Roy Hargrove, Lee Konitz, Joe Locke, Billy Harper, Terell Stafford, Bryan Linch , Seamus Blake, JD Allen, Harry Allen, Joe Cohn , Grant Stewart, Lonnie Plaxico, Marcus Strickland, Joel Frahm e molti altri.
Negli ultimi anni, Luca Santaniello si e’ dedicato anche all' insegnamento partecipando a seminari presso colleges Americani come Green’s Farm Academy , Jazz Camp of Palm Beach Florida e Costa Rican North American Cultural Institute in Costa Rica, Santa Marcelina Musci Academy a Sao Paolo Brasile e I seminari di Orsara Jazz Festival in Italia.
La conoscenza della tradizione Be-Bop del jazz unita all' approfondita formazione classica fa di Luca Santaniello una nuova voce del jazz contemporaneo.

 

 

 

"Ale CollinaTrio - Special Guest Fabrizio Bosso"

fabrizio bosso

04 Ottobre 2012
Ex Chiesa Anglicana

Alassio - Via Adelasia 10
ore 21.15 - ingresso libero fino ad esaurimento posti

Ale Collina TRIO special guest Fabrizio Bosso

  • Alex Collina - pianoforte
  • Fabrizio Bosso - tromba
  • Marc Peillon - contrabbasso
  • Rodolfo Cervetto - batteria

PHOTOGALLERY VIDEO 1 VIDEO 2 VIDEO 3

Programma e musicisti (APRI LA SCHEDA)

Giovedì 4 Ottobre 2012, alle ore 21.15 nella splendida cornice della Ex Chiesa Anglicana di Alassio, il trio di Alessandro Collina, composto da Marc Peillon e Rodolfo Cervetto, consolida la sua collaborazione, iniziata nel 2010, con il grande trombettista Fabrizio Bosso, in questi giorni in studio per realizzare finalmente un progetto comune dedicato a Michel Petrucciani.

Un concerto d’eccezione per tutti gli appassionati di jazz, grazie all’esperienza di questi grandi musicisti: Alex Collina al piano, Marc Peillon al contrabbasso, Rodolfo Cervetto alla batteria, regaleranno la propria esperienza internazionale, con il prezioso apporto della tromba di Fabrizio Bosso, costantemente presente all’Umbria Jazz Festival di Perugia e collaboratore di artisti come Raphael Gualazzi, Sergio Cammariere, Mario Biondi e Tullio De Piscopo, e molti altri artisti di livello internazionale, riuniti in quello che è un quartetto ormai affiatato, con alle spalle esibizioni in tutta Italia e all’estero.

In Fabrizio Bosso, tecnicamente impeccabile, ciò che colpisce è la creazione di una grafia personale, in cui il colore e la dinamica del suono non sono mai scontati, la tensione creativa è costante anche nell’interpretazione dei grandi classici.

In questi concerti di fine 2012 al repertorio di standards della tradizione americana, il quartetto aggiungerà via via brani dell’amatissimo pianista francese.

 

 

 

 

Le rassegne precedenti:

AlassioJazz - edizione del 2010
AlassioJazz - edizione del 2010
AlassioJazz - edizione del 2010
AlassioJazz - edizione del 2010
AlassioJazz - edizione del 2010