Alassio - premio per l'informazione 2008
Alassio - premio letterario 2009
Alassio - premio autore ed editore 2010
Alassio - premio per l'informazione 2010
Alassio - premio autore ed editore 2011
Alassio - premio per l'informazione 2011
Alassio - premio autore ed editore 2012
Alassio - premio per l'informazione 2012
Alassio - premio autore ed editore 2013
Alassio - premio per l'informazione 2013
Alassio - premio autore ed editore 2014
Alassio - premio per l'informazione 2014

I Premi Letterari

A Giuseppe Lupo il premio “Alassio Centolibri – Un Autore per l’Europa” edizione 2016

È Giuseppe Lupo il vincitore della edizione 2016 del Premio Letterario Nazionale “Alassio Centolibri – Un Autore per l'Europa”. Ad annunciarlo è Monica Zioni, Vice Sindaco di Alassio con delega alla Cultura:

“Lo scrittore, saggista, docente universitario, autore del romanzo 'L'albero di stanze', 2015, ed. Marsilio, si è aggiudicato, con la sua ultima opera, l'ambita onorificenza alassina, giunta quest'anno alla sua ventiduesima edizione, dopo l'esito delle votazioni espresse dalla giuria di italianisti formata da professori di letteratura italiana di prestigiose Università europee”.

La cerimonia di premiazione dell'opera vincitrice è in programma sabato 3 settembre 2016 alle 21.00 in Piazza Partigiani ad Alassio, in una serata presentata da Gerry Scotti, all'interno, come di consueto, di una due giorni alassina interamente dedicata alla cultura. Come da tradizione, infatti, la sera prima sarà consegnato il premio “Alassio per l'Informazione Culturale”. L'iniziativa, creata, organizzata e promossa dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Alassio e dalla Biblioteca Civica “Renzo Deaglio”, gode del riconoscimento dell'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero per i beni e le attività culturali, del Ministero per gli affari esteri e della Regione Liguria.

Cinque scrittori finalisti sono stati selezionati dalla Giuria Tecnica del Premio, presieduta dal Dott. Ernesto Ferrero – Direttore del Salone Internazionale del libro di Torino. Il sesto libro è stato selezionato dai visitatori dello Stand della Città di Alassio al Salone Internazionale del Libro di Torino. I romanzi finalisti, presentati ad Alassio nel corso dell'estate, erano: “La scuola cattolica” di Edoardo Albinati (Rizzoli), “Terapia di coppia per amanti” di Diego De Silva (Einaudi), “L’albero di stanza” di Giuseppe Lupo (Marsilio), “Costellazione familiare” di Rosa Matteucci (Adelphi), “La ragazza di fronte” di Margherita Oggero (Mondadori), “Una storia quasi perfetta” di Maria Pia Veladiano (Guanda).

“Anche quest'anno, il Premio Alassio Centolibri ha portato nella nostra Città i principali protagonisti della scena letteraria nazionale, con un'offerta di grandissima qualità e notevole spessore culturale. Per questa edizione, a nome dell'Amministrazione Comunale, ringraziamo i componenti delle giurie e tutti coloro che hanno contribuito per l'ottima riuscita dell'iniziativa”, aggiunge il Vice Sindaco Monica Zioni.

###

L'ALBERO DI STANZE
(Scheda dal sito Marsilio)
A conclusione di una serie di romanzi che hanno disegnato in questi quindici anni il destino delle genti di Lucania durante il lungo e drammatico attraversamento di un tempo sospeso tra il nuovo e l'antico, la fervida e generosa immaginazione di Giuseppe Lupo si condensa in un'unica, inarrestabile ascesa nel silenzio solitario degli uomini e nel racconto che i muri evocano delle generazioni durante tutto il secolo che ormai sta per chiudersi insieme al secondo millennio dopo la nascita di Cristo. Non è una saga questa di una Lucania diventata Lupania e neppure una mitica leggenda, piuttosto un paziente e amoroso rendiconto di una conquista, stanza sopra stanza, piano dopo piano, poi abbandonata per rivolgersi a nuove mete, in un altrove lontano; un bilancio tra storia e memoria dove i conti debbono in ogni caso quadrare, perché ormai vanno chiusi, e anche in fretta, con la vendita di tutta la "casa verticale", ricorrendo a ogni forza ci venga dal riemergere dei ricordi, mentre le parole svaniscono in un definitivo silenzio. Lupo traccia un bilancio esistenziale e morale che va oltre il rimpianto, sfidando il futuro con l'entusiasmo del sogno e la concretezza del gesto: certo, molto intanto si è perso, scomparso nei tempi che sono stati, ma altro ci aspetta e la memoria così raddoppia la forza e lo slancio; in fondo il meglio ha radici nel passato da dove veniamo, ma le nuove foglie che crescono a primavera sono protese in avanti, alla ricerca della luce del sole. La lingua di Lupo, ogni volta sorprendente e improvvisa, si accende nell'invenzione metaforica e si rinnova tra storia e memoria, tra ragione e sentimento, tra fede e convinzione: la civiltà della tradizione, che pure scomparve nel millennio che è stato, resiste caparbia nella sete di vita dei suoi avventurosi nipoti e, quindi, ci possiede e ci appartiene persino oltre se stessa. Di questa epopea Lupo, con L'albero di stanze, si conferma appassionato e sincero testimone, autentico e luminoso cantore, in un romanzo che segna con dolente e sofferta coscienza la conquista di una vita nuova. Cesare De Michelis

GIUSEPPE LUPO
Giuseppe Lupo è nato in Lucania (Atella, 1963) e vive in Lombardia, dove insegna letteratura italiana contemporanea presso l'Università Cattolica di Milano e di Brescia. Per Marsilio ha pubblicato L'americano di Celenne (2000; Premio Giuseppe Berto, Premio Mondello opera prima, Prix du premier roman), Ballo ad Agropinto (2004), La carovana Zanardelli (2008; Premio Grinzane Cavour-Fondazione Carical, Premio Carlo Levi), L'ultima sposa di Palmira (2011; Premio Campiello-Selezione giuria dei letterati, Premio Vittorini), Viaggiatori di nuvole (2013; Premio Giuseppe Dessì) e Atlante immaginario (2014). È autore di numerosi saggi e collabora alle pagine culturali del «Sole 24 Ore» e di «Avvenire».

 

logo del premio Alassio 100 Libri - Un Autore per l'Europa

Il Premio "Alassio 100 Libri - Un Autore per l'Europa"

Il Premio Letterario “Un Autore per l'Europa” è il punto d'arrivo di una serie di iniziative di promozione culturale a cui la Città di Alassio, per il tramite del suo Servizio Bibliotecario, ha cominciato a dare vita nel 1974 con gli “Incontri con l'Autore”. Per venti anni i maggiori scrittori italiani si sono avvicendati ad Alassio a presentare le loro opere, diffondendo nella città la conoscenza della letteratura contemporanea e il gusto per la lettura. Nel 1994 una manifestazione articolata in due fittissimi cicli di incontri e dibattiti denominata “Alassio 100 libri - 20 Anni di Incontri con l'Autore”, ha celebrato questo significativo traguardo e al tempo stesso ha suggerito l'opportunità di dare a questa ormai consolidata consuetudine di contatto tra scrittori e lettori una cornice più dinamica ed un respiro europeo.

E' nato così in un gruppo di intellettuali e di operatori culturali che gravitano attorno alla Biblioteca l'idea di un premio letterario che sottoponesse la nostra narrativa al vaglio di una giuria di Italianisti stranieri che operano sul piano dell'informazione culturale o dell'insegnamento nelle principali Università d'Europa. L'Amministrazione Comunale l'ha recepita e nel 1995 è stato istituito il Premio "Alassio 100 libri - Un Autore per l'Europa" con una dotazione di € 5000,00 per lo scrittore primo classificato

I premiati delle precedenti edizioni sono:
(1995) Gabriele Romagnoli "In tempo per il cielo"
(1996) Rosetta Loy "Cioccolata da Hanselmann"
(1997) F. Guccini , L. Macchiavelli "Macaronì"
(1998) Francesco Biamonti "Le parole la notte"
(1999) Maurizio Maggiani "La regina disadorna"
(2000) Ernesto Ferrero "N"
(2001) Bruno Arpaia "L'angelo della storia"
(2002) Laura Pariani "Quando Dio ballava il tango"
(2003) Simonetta Agnello Hornby "La mennulara"
(2004) Paola Mastrocola "Una barca nel bosco"
(2005) Salvatore Mannuzzu "Le fate dell'inverno"
(2006) Claudio Piersanti "Il ritorno a casa di Enrico Metz"
(2007) Marcello Fois "Memoria de vuoto"
(2008) Paolo Giordano "La solitudine dei numeri primi"
(2009) Margaret Mazzantini "Venuto al mondo" (photogallery)
(2010) Michela Murgia "Accabadora" (photogallery)
(2011) Marta Morazzoni "La nota segreta" (photogallery)
(2012) Valeria Parrella "Lettera di dimissioni" (photogallery)
(2013) Fabio Stassi "L'ultimo ballo di Charlot" (photogallery)
(2014) Giorgio Falco "La gemella H" (photogallery)
(2015) Paolo Rumiz "Come cavalli che dormono in piedi" (photogallery)
(2016) Giuseppe Lupo "L'albero di stanze" (photogallery)

logo del premio Un Editore per l'Europa

Il Premio "Alassio 100 Libri - Un Editore per l'Europa"

La città di Alassio - Assessorato alla Cultura, ha istituito, con decorrenza dal 1999, un premio riservato al mondo dell'Editoria italiana, destinato ad un editore che, per impegno culturale e capacità imprenditoriale, abbia dato un contributo significativo allo sviluppo dell'editoria italiana in una prospettiva europea.
Il premio, consistente in una targa di particolare pregio, riproduce l'acquerello dipinto ad Alassio nel 1864 da Edward Lear.

I componenti la giuria del Premio: Alberto Cadioli, Ernesto Ferrero, Annamaria Gandini, Armando Torno, Giuliano Vigini (Presidente).

Le case editrici premiate delle precedenti edizioni sono:
(1999) Laterza (Roma-Bari)
(2000) Il Mulino (Bologna)
(2001) UTET (Torino)
(2002) Jaca Book (Milano)
(2003) Il Saggiatore (Milano)
(2004) Bollati Boringhieri (Torino)
(2005) Adelphi (Milano)
(2006) Morcelliana (Brescia)
(2007) Sellerio (Palermo)
(2008) Guanda (Parma)
(2009) Nino Aragno (Torino) (photogallery)
(2010) Iperborea (Milano) (photogallery)
(2011) Hoepli (Milano) (photogallery)
(2012) Edizioni Medusa (Milano) (photogallery)
(2013) Bompiani (Milano) (photogallery)
(2014) Raffaello Cortina Editore (Milano) (photogallery)
(2015) Oscar Mondadori (Milano) (photogallery)
(2016) Edizioni e/o (Roma) (photogallery)


logo del premio Alassio per l'Informazione Culturale

Il Premio "Alassio per l'Informazione Culturale"

La Città di Alassio, Assessorato alla Cultura, per completare il panorama delle tematiche collegate al libro , con decorrenza dal 2006, organizza, in collaborazione con la Fiera internazionale del libro di Torino, il Premio “Alassio per l'informazione culturale”.

Il premio è destinato a una figura del mondo dell'informazione (quotidiani , periodici, radio, televisione) che si sia distinto per innovatività di contenuti e linguaggi nel lavoro di diffusione della cultura, ed in particolare del libro e della lettura.

I premiati delle scorse edizioni sono:
(2006) Marino Sinibaldi
(2007) Vittorio Sermonti
(2008) Corrado Augias
(2009) Philippe Daverio
(2010) Piero Angela (photogallery)
(2011) Gianni Minoli (photogallery)
(2012) Danilo Mainardi (photogallery)
(2013) Valerio Massimo Manfredi (photogallery)
(2014) Vittorio Sgarbi (photogallery)
(2015) Carlo Rovelli (photogallery)
(2016) Massimo Gramellini (photogallery)

 


logo del premio Alassio Internazionale

Il Premio "Alassio Internazionale"

Premia una personalità del mondo letterario, riconosciuta a livello europeo e viene consegnato, ogni anno, a Torino in collaborazione con il Salone Internazionale del Libro.